ALLA RICERCA DEL TASSELLO MANCANTE – La lacrima

Lacrima


Sente la fatica per quella salita, il terreno è impervio .
Si ferma per riprendere il fiato , si guarda intorno.
Il paesaggio le ricorda un parco montano, sono memorie dolci e lontane.
Non deve farsi prendere dall’emozioni deve pensare al traguardo .
Riprende, affonda il passo ; l’aria comincia ad essere rarefatta .
La musica è in lei, circola in ogni cellula come l’ossigeno .
In questo viaggio ha rinunciato a tutto , ma non alla scatola magica.
Un piccolo scrigno pieno di mille emozioni costruite con le note degli esperti folletti del pentagramma, abbinate a immagini e visioni conosciute solo dalla sua anima .
Non aveva condiviso con nessuno i sentimenti del suo cuore, soltanto un’ombra era riuscita ad insinuarsi nella sua essenza .
Da oltre un anno viveva in lei come parte integrante, era là come un fantasma in un castello .
Molte volte si era illusa di poter fare a meno di quella presenza , ma i suoi contorni familiari, presentandosi alla sua anima, la avvolgevano in sensazioni di antiche beatitudini, di serenità e d’ angoscia .
Avverte anche ora la sua presenza e con serenità parla al vento:
– Vattene !Lasciami andare via. Non è forse questo quello che volevi ? Prima arrivi , avvolgi , abbracci con soffi infiniti , ma al tempo stesso usurpi , aspiri vitalità senza ritegno; lance nel cuore stillano dolori , lance nel cervello ricordano che tu esisti . Povero cervello super-razionale ignaro del tuo potere diabolico e angelico . Giudichi senza sapere quello che sento ! Dimentichi che io esisto, che sono !
Per te sono un luogo dove puoi affondare i tuoi colpi liberando le tue forze oscure . Mi accusi di tramare contro di te , magari avessi tali poteri !
Si meraviglia nel sentire la sua voce trasformata in eco e comprende quanto dolore ha nelle anse del suo essere.
Poi sente come una esplosione dentro la sua anima e infine un secco silenzio .
Una lacrima scende lenta, brilla sotto il sole che è ormai alto nel cielo.
La raccoglie sul palmo della mano in quella piccola goccia c’è chi viveva in lei da sempre , da un anno , da un giorno. Non importa, ora non c’è più.
Porge la mano al vento, i suoi soffi leggeri disperdono quella goccia amara in infinite lacrime .
Adesso può continuare il suo cammino , sa che avrà il vuoto nell’anima , ma così è scritto da qualche parte in un libro antico che solo ad Uno è permesso di vedere , leggere, cancellare ,mutare , possedere.
Si volta. Vede l’ombra dissolversi al sole , il cuore avverte il freddo della morte , ma non c’è più tempo per pensare.

La strada è lunga .
 

Annunci

5 commenti su “ALLA RICERCA DEL TASSELLO MANCANTE – La lacrima

  1. La ragione è quel riflesso estraneo all’anima che incatenando le ali apre il paracadute. Ma l’atterraggio avviene su una terra brulla, dove non c’è piu’ amore e non esiste nulla…Al tempo e alla razio, non si regalano i sogni.

    Tonina, oggi rileggevo questo mio commento fatto su di un’altro blog e l’ho copiato su notes perchè secondo me non aveva ancora esaurito il suo percorso. Ho letto il tuo pezzo ed ho pensato che era il suo punto d’arrivo.

    Buona serata sorella 😉 Un abbraccio immenso…

    Mi piace

  2. Molto poetica è questa immagine del percorso di una lacrima che si raccoglie sul palmo della mano.
    La ragione o razionalità ci aiuta ma ci sono dei momenti nei quali prevale l’irrazionale. Sono istanti8 irripetibili che posso portarci in alto oppure deprimere.
    Veramente notevole.
    Un caro saluto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...