4 novembre 2015

4 novembre 2015

DIALOGO  TRA  L’ITALIA  E UN ALUNNO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GIORGILORIO  IL 4 NOVEMBRE  …

 

Bambino – Buongiorno Italia

Italia –  Buongiorno a te figlio mio

Bambino – Oggi è giorno di commemorazioni

Italia –  Sì .oggi il mio pensiero va al passato , al presente , al futuro.

Il cuore piange pensando ai miei figli caduti per difendere i natii confini.  Hanno scritto la storia con le loro giovani vite, ma questo , anche se deve rimanere vivo il ricordo, è il passato.

L’ansia di madre veglia su tutti coloro che per amor   mio  indossano una divisa , sul suolo natio per il bene di tutti o nel mondo per  il trionfo della pace. E questo è il presente.

Ma la mia trepidazione maggiore è per questi piccoli che rappresentano il futuro.

Bambino – Hai ragione madre! Mi domando sapranno i grandi  infondere nel  loro cuore l’amor  di patria? Patria, sembra una parola antica e fuori tempo  eppure  è l’essenza

D’ appartenenza a questo  tricolore. Essere orgoglioso di dire :- Sono italiano.

Riusciranno le vecchie generazioni a far comprendere loro il rispetto del ricordo , delle leggi , della nostra terra , della nostra cultura ?

Italia – Piccoli siate fieri d’esser  italiani , fate sventolare alta la nostra bandiera  nel vostro cuore e sui passi che farete.   Il sì che gridate alla fine dell’inno  sia soffio dell’anima per acclamare   l’orgoglio d’essere italiani qui e nel mondo oggi e per sempre.

Tutti – viva l’italia!

Mia Italia …

 

Protesa in un piccolo mare

sei ponte tra i popoli.

I tuoi lidi sono chimere

per chi sogna un domani.

Culla di storia

sei un libro aperto

per chi ti vuole leggere.

Mille profumi,

mille colori ,

mille storie ti avvolgono,

mentre alto sventola il tricolore,

mia Italia …

                                                                                                         Tonina Perrone

Annunci

4 commenti su “4 novembre 2015

  1. Potrebbe apparire retorica ma contiene molte verità Il passato sono coloro che si ricordano in queste ricorrenze. Il presente siamo noi. Ma il futuro sono loro, che adesso sono bambini.
    Felice notte.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...