Oltre, l’ultima spiaggia

Oltre, l’ultima spiaggia

Aquiloni  come sogni o sogni come aquiloni

Note lontane cullano i ricordi,

ma non c’è ieri non c’è domani

in quest’oggi grigio e malinconico.

Parole non dette ronzano

annebbiando la mente dell’essere

e l’oblio cattura e annienta i colori

della speranza di nuovi orizzonti.

L’abbandono è l’ultima spiaggia,

assordante luogo del silenzio umano.

Oltre, la luce esiste e splende

faro dell’eterno amore

illumina celesti sfumature

di estasianti melodie.

Ritrovate su Facebook

gabbiano immag. modificata di Tonina Perrone

ogni alba ha il suo futuro,
porta il chiarore della luna
si veste dei raggi del nuovo sole,
sulla passerella del giorno
per dissolversi nel rosso fuoco
del tramonto …

silenzio

contorti fili rammendano
strappi esistenziali
disegni indecifrabili
alla semplicità dell’orizzonte
Eppure c’è oltre
un piccolo e stupido perchè
artefice del movimento
della giostra .
Giri non richiesti
ma necessari
aspettando nel fermo liberatore!

Alchimia di parole

piano poesia

Suoni aleggiano

sulle ali del vento,

aquiloni pronti

per essere ammirati

volano liberi .

È il cuore

che grida nel silenzio dell’anima

formule alchemiche

al di fuori dei limiti del tempo.

Attento a te cuore

a non sbagliar suono

che sia luminoso e colorato

l’ombroso sia annientato.

Alchimie di parole

nate per donare luce

che luce sia!

Tutta la vita è una continua alchimia …

Tutto è niente , niente è tutto, ora.  

 

27047_1306260574633_1174102601_30721290_5367694_n

 

Affannosa ricerca d’orizzonti ignoti

sui binari di flebili scie lucenti nel tetro buio.

Sfreccianti soffi d’indifferenza

aggrovigliati con cascate salate

giacciono

sui respiri caparbi nelle lotte avverse

di destini senza diritto di replica.

Dita annaspano nella fanghiglia

dono della superbia del io sono,

nel chiasso del nulla battono cuori, urlano esseri,

ma la sordità cronica

cancella ogni cosa nella dimensione senza eco.

Tutto è niente

niente è tutto

ora.

Per tutto c’è un tempo

Passi lenti scandiscono
un tempo inesorabile, ora.
Fili d’antiche trame
non hanno ragione d’essere.
Karma dissolto
come olio in limpida acqua.
È tempo del cammino silenzioso
capo chino su orme solitarie.
Caldo abbraccio nel cuore
e leggerezza dello spirito
faranno brillare luce nell’anima.
Per tutto c’è un tempo,
ora, è il tempo dei tempi.

La mia anima errante

La mia anima errante

Certo o incerto?

Certo o incerto?

 10245433_10202396964380784_2095901573520920188_n

Incerto è certezza

nell’essere,

 equilibrista di una irrealtà vera.

Vaghe risonanze

fanno eco ai ricordi dissolti

nell’acido della vita.

Ricerca in un raggio

dei colori sbiaditi,

ma non dimenticati dall’anima.

Speranza

miraggio di un poi rinnegato

anche nei sogni.

Eppure c’è

oltre  la sbarrata porta

un poi , un dove, un chi …

Basta avere il coraggio

di uscire dal rassicurante certo

per uno sconosciuto incerto.

100 PAROLE PER UN’EMOZIONE :Piuma dal cielo …

Piuma dal cielo …

 piuma

Si perde, libera di andare oltre la linea del tempo e dello spazio.

Nessuno  ostacolo nel suo volo, senza confini, nel cielo azzurro ed infinito.

Sfiora le vette delle montagne, sente l’aria rarefatta accarezzarla, cullarla.

Nel cielo soffici nuvole bianche,  mille piume cadute da ali di candidi angeli.

E’felice di essere una piccola piuma lasciata cadere  verso la Terra.

La sua caduta libera genera un avvitamento vertiginoso.

Poi plana, grazie al soffio di vento del nord.

Vola conservando la sua leggerezza serafica.

Lontano il mondo da cui proviene, lontano come le stelle.

Una manina ferma quel volo: – Mamma guarda!

Colori e note

Colori e note

piano poesia

Scatola magica
custode delle mille sfumature
del creato
è lì
in attesa d’aprir
la porta per
mondi lontani
che abili mani
sapranno incastonare
su candide finestre.
Aprire le ali
a voli pindarici
lasciando che soldati bianchi e neri
scandiscano suoni di pace
e d’infinità beltà.
La trama dei colori
compare
davanti a occhi sognanti
abbandonati
nel ristoro
di un fiume di note
travolgente
etereo
divino.

Ascoltando “Vorrei Incontrarti fra cent’anni ” – Ron ( torno alla mia vecchia passione scrivere quello che mi viene in mente ascoltando delle canzoni)

Fra cento, mille anni

In un’altra vita

in un altro mondo

fra cento ,mille anni

guardarsi negli occhi

riconoscere la luce

dell’irrazionalità.

Preferire essere

un lampo senza perché

un raggio di luna sulla pelle

un ricordo perso nel vento

di un tempo senza tempo,

ma non ombra nell’anima.

Fra cento, mille anni

stringer mani amate

da sempre e per sempre

e ascoltare la musica del cuore

che sussurra :- Amore.

Voli…

Voli nell’aria rarefatta dai sogni impossibili

accarezzano l’anima

facendo battere un cuore dormiente e stanco.

Planare guardando orizzonti sconosciuti

estasi di verità

mai ricercate nell’apatia

di chi indossa un abito non suo

e guardandosi allo specchio

non si riconosce,

resta immobile

attendendo una scintilla

che forse nessuno accenderà.

Voli, voli liberi e lontani

nella solitudine del proprio essere

verso quella luce che nessuna nuvola

mai oscurerà.