“Gabry” racconto a puntate … Seconda puntata

anima reincarnazione di Ambradorata

Camminano lentamente , Mari fuma la sua sigaretta sbuffando ai rimproveri di Gabry:

– Ti fa male lo vuoi capire! Butta via quelle schifezze puzzolenti.

– Ehi non iniziare, ho una crisi di astinenza !

Ride facendo uscire dei cerchietti di fumo dalla sua bocca con il viso dispettoso che si ritrova.

Gabry conosce Marilena da sei anni , ma è come se la conoscesse da sempre. Sono molto diverse come carattere e fisicamente però  unite da una amicizia collaudata quotidianamente.

Marilena e Gabry sono diverse in tutto .

Mari  è come la  piccola Trilly di Peter Pan, piena di energia , un po’ dispettosa, solare , estroversa , con la battuta pronta e con una risata piena che trasmette il buonumore  a chi ha la fortuna di starle accanto.

Non è la donna fatale anzi è la classica trentenne: un po’ rotondetta nelle forme, non molto alta , che non ha avuto grande fortuna con gli uomini; ha i lineamenti di una donna qualunque che spesso passa inosservata agli occhi maschili i quali la prediligono come amica , complice e non come amante.

Gabry è la sensualità fatta persona , anche se non è il tipo che vuole mettersi in mostra lei non può passare senza creare scalpore.

Alta , bruna con due occhi a mandorla color nocciola, ogni sua movenza è un’armonica scultura che fluttua nello spazio, ma ha un animo semplice , delicato , introverso.

Lei odia essere al centro dell’attenzione; non ride ma sorride timidamente; dolcissima è la sua voce che usa con parsimonia, predilige guardare e stare in silenzio.

Eppure Marilena e Gabry sono diventate inseparabili, spesso escono insieme considerando che entrambe non hanno più  legami da qualche mese.

Le due donne entrano nella pizzeria e sono pervase da un dolce tepore, nell’aria odori mediterranei.

Il cameriere le fa accomodare davanti alla finestra che dà sul retro.

Gabry intravede le luci dietro le goccioline che ricamano i vetri, un senso di ansia l’attanaglia come se percepisse l’arrivo di un evento.

Sensazioni a lei familiari, quante volte aveva avvertito dentro di sé : brividi, senso di vuoto allo stomaco, ansia senza un motivo apparente poi nel suo immediato futuro ecco che un evento accadeva come per magia.

Mari legge il menù , letto e riletto considerando la loro assiduità in quel locale, arriccia il naso scorrendo le nomenclature delle pizze ed esclama:

–   Mille pizze, tante, troppe, di mille gusti , ma preferisco la solita con tanta mozzarella!

L’amica annuisce anche lei avrebbe preso una semplice margherita.

Mari nell’attesa esce a fumare la sua ennesima sigaretta e vane sono le proteste dell’amica, lei non rinuncia.

Gabry si sente spaesata senza la collega, come se qualcuno la stesse osservando, manda una rapida occhiata, ma nessuno rivolge lo sguardo verso di lei; pensa di essere stupida e incrocia le braccia mentre avverte lungo la schiena un brivido gelido che la fa sussultare. E’ irrequieta sente il bisogno di tornare nel suo rifugio: il suo adorato appartamentino di sessanta metri quadrati al terzo piano , senza scale, nella periferia di Milano.

.

Impaziente allunga il collo per scorgere quella sciagurata che per una sigaretta  venderebbe la madre , ma i suoi occhi si spalancano guardando verso la porta d’entrata aperta.

Non è possibile si ripete terrorizzata, come può accadere tutto ciò? La nostra amica è bianca in volto , occhi nel vuoto, suda freddo è allibita e pietrificata tanto da attirare l’attenzione del cameriere:

-Mi scusi si sente bene

-Sì cer..to . Grazie – balbetta , ma il suo sguardo continua a fissare verso l’entrata .

Non è possibile ! Il suo cuore inizia a battere come non mai ; le sue mani diventano fredde e sudate; un brivido percorre la sua schiena paralizzandola.

Ha voglia di correre via, di gridare a Mary, ma nulla di tutto ciò accade, rimane pietrificata su quella sedia e guarda estasiata lui che con passo sicuro va oltre il suo tavolo senza degnarla di uno sguardo.

No non poteva essere vero , un tremore e un freddo glaciale la pervade inesorabilmente.

Quel uomo che le era passato accanto era identico a quello  del sogno…

 

 

Alla prossima puntata…

 

Annunci

Lucciole (ricordi di bimba)

lucciole Tonina Perrone

Stelline vaganti

volano come i sogni dei bimbi

volteggiano tra prati profumati di primavera.

Piccole mani intrappolano

la luce dell’infinito per un desiderio

che sa di magia.

Meraviglia danza nei cuori puri

poi tutto fugge,

il tempo offusca luci e cuori.

Ora solo dolci ricordi …

 

Libertà onirica

4725_1110859985638_1651040253_257813_5945002_n

Penna giace stanca

mente vaga nei meandri dei ricordi.

Disco dorato lancia gli ultimi raggi

su un presente dai colori sbiaditi e offuscati.

Mani cercano nel vuoto

fili di trame antiche

cadendo nel buio che lento abbraccia il mondo,

questo mondo malandato.

Affannosa ricerca su dolci note

verso un universo migliore

senza catene, senza pareti.

Sonno profondo e ristoratore vieni,

sono pronta per volare … libera e felice.

Oggi 13 giugno …

noi tre

Mi manchi, manca il tuo sorriso vero non piatta espressione su carta.

Manca il tuo bacio in quello scambio di auguri tutto nostro.

Mi restano i ricordi di quel giorno lontano… il mio piccolo uomo, tu ed io!

Era il nostro giorno, è il nostro giorno, è il nostro santo di tutti e tre. Uniti per sempre anche se dislocati in dimensioni e spazi diversi.

Auguri papà, auguri amore della mamma e auguri a me.

 

Spettacolo musicale

A conclusione del progetto di lettura e scrittura creativa, inerente al Grande Tito Schipa , ho deciso di scrivere la sceneggiatura dello spettacolo finale inserendo come protagonista il nostro illustre salentino, ma immaginandolo bambino. Lui tra i miei cuccioli che stanno per spiccare il volo.

 

locandina

Un puzzle come bigliettino per la festa della mamma

Ho deciso di realizzare un bigliettino per la festa della mamma un po’ diverso , un puzzle. L’immagine della rosa l’ho presa dal web, ho disegnato con un pennarello i tratti per far ritagliare i pezzi . I bambini hanno prima di tutto colorato la rosa.

20170514_110710

festa della mamma 1

Successivamente hanno ritagliato i pezzi, cinque con un bel cuore centrale.

20170514_110719

festa della mamma 2

Sul retro dei cinque pezzi del puzzle hanno scritto frasi per le loro mamme .

 

20170514_110734

festa della mamma 3

I cinque pezzi li hanno confezionati in una bustina trasparente .

Alle mamme degli Aquilotti e dei Birba il compito di ricomporre il puzzle e leggere le meravigliose frasi dei loro piccoli.

Questo bigliettino è solo la mia prova , quelli dei bambini sono stupendi !

Auguri a tutte le mamme .

C’è ancora tempo per un magico sogno

tramonto donna

Cercare nei ricordi versi pensati, ma mai scritti.

Cercare, invano, tinte policrome

nel grigiore del nulla.

Cercare tra effigi sbiadite, nel tunnel del passato,

per trovare nuova forza ad affrontare il domani.

Eppure solo un attimo fa

il cielo era azzurro, lunghi capelli svolazzavano al vento della vita.

E voi sogni in quale anfratto siete svaniti?

L’istinto della sopravvivenza ha avuto la meglio

sui colori delle dimensioni oniriche.

I conti sono presto fatti,

il tempo inesorabile è passato

l’orizzonte si è tinto dei colori del dì pronto a cedere il passo alla luna,

ma anche il tramonto è degno d’essere scenario di mille sogni.

che sa di domani.