C’è ancora tempo per un magico sogno

tramonto donna

Cercare nei ricordi versi pensati, ma mai scritti.

Cercare, invano, tinte policrome

nel grigiore del nulla.

Cercare tra effigi sbiadite, nel tunnel del passato,

per trovare nuova forza ad affrontare il domani.

Eppure solo un attimo fa

il cielo era azzurro, lunghi capelli svolazzavano al vento della vita.

E voi sogni in quale anfratto siete svaniti?

L’istinto della sopravvivenza ha avuto la meglio

sui colori delle dimensioni oniriche.

I conti sono presto fatti,

il tempo inesorabile è passato

l’orizzonte si è tinto dei colori del dì pronto a cedere il passo alla luna,

ma anche il tramonto è degno d’essere scenario di mille sogni.

che sa di domani.

Annunci

4 novembre 2015

4 novembre 2015

DIALOGO  TRA  L’ITALIA  E UN ALUNNO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GIORGILORIO  IL 4 NOVEMBRE  …

 

Bambino – Buongiorno Italia

Italia –  Buongiorno a te figlio mio

Bambino – Oggi è giorno di commemorazioni

Italia –  Sì .oggi il mio pensiero va al passato , al presente , al futuro.

Il cuore piange pensando ai miei figli caduti per difendere i natii confini.  Hanno scritto la storia con le loro giovani vite, ma questo , anche se deve rimanere vivo il ricordo, è il passato.

L’ansia di madre veglia su tutti coloro che per amor   mio  indossano una divisa , sul suolo natio per il bene di tutti o nel mondo per  il trionfo della pace. E questo è il presente.

Ma la mia trepidazione maggiore è per questi piccoli che rappresentano il futuro.

Bambino – Hai ragione madre! Mi domando sapranno i grandi  infondere nel  loro cuore l’amor  di patria? Patria, sembra una parola antica e fuori tempo  eppure  è l’essenza

D’ appartenenza a questo  tricolore. Essere orgoglioso di dire :- Sono italiano.

Riusciranno le vecchie generazioni a far comprendere loro il rispetto del ricordo , delle leggi , della nostra terra , della nostra cultura ?

Italia – Piccoli siate fieri d’esser  italiani , fate sventolare alta la nostra bandiera  nel vostro cuore e sui passi che farete.   Il sì che gridate alla fine dell’inno  sia soffio dell’anima per acclamare   l’orgoglio d’essere italiani qui e nel mondo oggi e per sempre.

Tutti – viva l’italia!

Mia Italia …

 

Protesa in un piccolo mare

sei ponte tra i popoli.

I tuoi lidi sono chimere

per chi sogna un domani.

Culla di storia

sei un libro aperto

per chi ti vuole leggere.

Mille profumi,

mille colori ,

mille storie ti avvolgono,

mentre alto sventola il tricolore,

mia Italia …

                                                                                                         Tonina Perrone

“PREMIO JOLE BISSANTI”

Il mio piccolo contributo durante la  serata per il “Premio Jole Bissanti”.

Il 26 ottobre 2015 è una data che mi resterà marchiata nel cuore per sempre.

fototesto

Mi  hanno chiesto di aprire questa serata speciale. Vi confesso ne sono lusingata, ma anche molto emozionata.

La cittadinanza di Surbo, i nostri alunni hanno una responsabilità e  un onore, al tempo stesso, meritare e gioirne del dono di questo splendido fiore.

Il “Premio Iole Bissanti” è un fiore speciale, nato dal dolore più atroce che essere umano può sentire conficcato nel cuore.

Il “Premio Jole Bissanti” è una delle tante  attività svolte dall’associazione http://associazionejolebissanti.altervista.org/

La presenza  e la fervida azione di questa onlus è nota a tutti. Le sue finalità di solidarietà nel settore dell’assistenza sociale e socio-sanitaria e il suo scopo, di informare, assistere, coadiuvare, quindi  sostenere e garantire il diritto alla salute, conferiscono alla stessa una valenza particolare sul territorio. Luce in tanti cammini di sofferenza, uno splendore di solidarietà come splendidi erano gli occhi  e il sorriso di Jole.

Voi donate il suo sorriso  a chi soffre, porgete la mano a chi vacilla e accompagnate chi,  ritrovandosi solo in questo marasma di fuggi fuggi generale, cerca di sopravvivere dignitosamente nelle disabilità della malattia.

Per noi  è un emozione  vedere  i nostri alunni ricevere la borsa di studio donata dalla  vostra associazione.

Già donata. Donata come dei petali di rosa bianca e profumata al vento di questa terra che amiamo.

Non sono una grande oratrice, preferisco i versi ai discorsi , quindi permettetemi di leggerne alcuni.

Brezza profumata di candida rosa

Brezza profumata di candida rosa

donata da mani che strinsero la vita

e dopo…

strapparono stille salate

da occhi senza più il domani.

Brezza profumata di candida rosa

con batter d’ali ridona luce.

Sorrisi donati per volere

di quel angelo dai riccioli neri .

Mani pronte a sostenere chi vacilla

in questa valle di lacrime.

Brezza profumata di candida rosa

inebria l’anima di chi grida aiuto senza eco

apre spiraglio nel cammino della speranza

con l’amore della solidarietà.

 

                                                                       ©Tonina Perrone

 

Per tutto c’è un tempo

Passi lenti scandiscono
un tempo inesorabile, ora.
Fili d’antiche trame
non hanno ragione d’essere.
Karma dissolto
come olio in limpida acqua.
È tempo del cammino silenzioso
capo chino su orme solitarie.
Caldo abbraccio nel cuore
e leggerezza dello spirito
faranno brillare luce nell’anima.
Per tutto c’è un tempo,
ora, è il tempo dei tempi.

La mia anima errante

La mia anima errante

Tempo o vendetta ?

pace_sangue

 

Viscide lusinghe

da  anni hanno perso

la loro beltà.

Ora putrido fango

orrido puzzo

di nauseabondo essere

vaga!

Battiti gridano

vendetta al cielo,

ma la perfida e guardinga

ragion chiede tempo.

Il tempo?

Ma lui è

tornado che sradica

e annienta la vita,

riducendola in cenere.

Tempo o vendetta ?

Ambletico quesito.

Saper…

La mia anima errante

La mia anima errante

Saper scorgere un raggio di luce ,

nel buio del grigio totale.

Saper apprezzare un sorriso,

specchiandosi in giovani occhi incantati per il domani.

Saper recidere rami secchi

per lasciar spazio vitale a nuova vita.

Saper cercare nel pozzo della propria anima carezze che erroneamente,

in un passato non lontano,

le si è cercate altrove.

Saper … Saper di non sapere 

e sorridere ascoltando la musica del cuore 

Ciao Luna …

Luna

la dolcezza personificata

la dolcezza personificata

 

Manto ebano

occhi languidi

pronti a elemosinare  carezze

in cambio di scodinzolanti danze di coda.

Amore puro

senza logici archibugi mentali.

Uno squillo era

esplosione di gioia,

un trotterellare ubriaco sul pianerottolo,

un saltellare stentato

per ricevere mille carezze.

Quanto amore dato e ricevuto.

Ricordi erranti vagano

alla ricerca di momenti

dimenticati tra le pieghe del tempo.

Ora solo foto

 attimi di gioia  impressi per sempre

come per sempre resterai nel cuore di chi

ti ha amato.

Eppure ci deve essere il poi…

1908247_10152031668949748_1940412360_n

Boati afoni infestano

togliendo il respiro

chi vivendo d’illusione

vede, oltre,

per un attimo beceri fogli.

Rabbiose pennellate

scavano invisibile roccia

di quid senza tempo

lasciando ignudo l’essere

con ambletico dilemma.

Rabbia, orgoglio, amara delusione

appiattiti da ragion ragionante

che dona calice all’anima

con fiele addolcito

da falsi colori.

Eppure ci deve essere il poi…

Certo o incerto?

Certo o incerto?

 10245433_10202396964380784_2095901573520920188_n

Incerto è certezza

nell’essere,

 equilibrista di una irrealtà vera.

Vaghe risonanze

fanno eco ai ricordi dissolti

nell’acido della vita.

Ricerca in un raggio

dei colori sbiaditi,

ma non dimenticati dall’anima.

Speranza

miraggio di un poi rinnegato

anche nei sogni.

Eppure c’è

oltre  la sbarrata porta

un poi , un dove, un chi …

Basta avere il coraggio

di uscire dal rassicurante certo

per uno sconosciuto incerto.